cerca: » vai
busta newsletter gratuita

consultazione gratuita di documenti relativi al mondo delle espropriazioni

Anteprima di stampa versione stampabile


Nell’esproprio parziale di terreni a servizio di un’azienda agricola, deve indennizzarsi il danno all’unitarietà economica e funzionale dell’azienda stessa.

Ultimo aggiornamento: 18/06/2009

 

La Corte di Cassazione conferma, con la sentenza richiamata, nel caso di esproprio parziale di un bene unitario, il calcolo differenziale per indennizzare il danno alla parte residua (l'indennità deve risultare pari alla differenza tra il giusto prezzo dell'immobile prima dell'esproprio e il giusto prezzo della parte residua di esso dopo l'espropriazione).
La Corte, in particolare, richiama il principio che, nell’espropriazione parziale regolata dall’art. 40 della legge n. 2359/1865 (ore dall’art. 33 del DPR n. 32772001) va compresa ogni ipotesi di diminuzione del valore della parte non interessata dall’espropriazione, con necessario riferimento al concetto unitario di proprietà e al nesso di funzionalità tra ciò che è stato oggetto del provvedimento ablativo e ciò che è rimasto nella disponibilità dell’espropriato
Tale principio, può trovare tanto più applicazione ove si tratti di suoli a destinazione agricola, in cui rileva l’unitarietà costituita dalla destinazione dei terreni a servizio dell’azienda agricola.

 

Vedi anche:

  • Testo Unico
    Guida operativa con tutte le fasi del procedimento e i modelli necessari, specifici per il nuovo procedimento introdotto! » vai

  • Offerta speciale EsproSit
    Dalla collaborazione con Siteco Informatica nasce Espro-SIT LT, la soluzione chiavi in mano per la procedura espropriativa » vai

  • Riduci i rischi di errore e di contenzioso sugli atti che devi adottare!
    E' attivo il nuovo servizio di orientamento procedimentale, validazione atti e perizie.




Copyright © 2003-2019 ConsulenzaEspropri.it Srl
Realizzazione siti internet Meravigliao.it