cerca: » vai
busta newsletter gratuita

consultazione gratuita di documenti relativi al mondo delle espropriazioni

Anteprima di stampa versione stampabile


Le aree ricadenti nel vincolo di rispetto stradale fuori dal centro abitato sono sempre inedificabili

Ultimo aggiornamento: 30/01/2012

 

Il vincolo di inedificabilità gravante sulla fascia di rispetto autostradale ha carattere assoluto e prescinde dalle caratteristiche dell’opera realizzata, in quanto il divieto di costruzione sancito dall’art. 9 della legge 729/1961 e dal successivo D.M. 1404/1968 non può essere inteso restrittivamente al solo scolpo di prevenire l’esistenza di ostacolo materiale suscettibile di costituire, per la loro prossimità alla sede autostradale, pregiudizio alla sicurezza del traffico e alla incolumità delle persone, ma appare correlato alla più amplia esigenza di assicurare una fascia di rispetto utilizzabile, all’occorrenza, dal concessionario, per l’esecuzione di lavori, per l’impianto di cantieri, per il deposito di materiali, per la realizzazione di opere accessorie, senza limiti connessi alla presenza di costruzioni. Cosicché le distanze previste vanno osservate anche con riferimento ad opere che non superino il livello della sede stradale (Cass. Civ. sent. n. 6118/1995) o che costituiscano mere sopraelevazioni (Cass. civ., sent. n. 193/1987) o che, pur rientrando nella fascia, siano arretrate rispetto alle opere preesistenti (TAR Campania, Napoli, Sez.VIII, sent. 14/03/2011, n. 1461; altresì, ex multis, Cass. Civ., Sez. II, sent. 3/11/2010, n. 22522; Cons. di Stato, Sez. IV, sent. 14/04/2010, n. 2076).
Tali aree, pertanto, sono da considerare, ai fini espropriativi, sempre inedificabili e indennizzabili con riferimento alla effettiva destinazione economica, valutando l’incidenza sulle stesse delle limitazioni dovute al vincolo conformativo di rispetto stradale. In pratica l’indennità deve determinarsi applicando l’art. 40, comma 1, T.U.E. se trattasi di arre effettivamente agricole, oppure il valore venale di cui alla sentenza C.C. n. 181/2011 se trattasi di aree inedificabili a destinazione economica diversa da quella agricola del T.U.E.
Per un approfondimento della materia e delle relative metodologie estimative, per gli utenti del sito, si rinvia alla Guida n. 12 bis "Aree non edificabili: determinazione dell’indennità nella cessione volontaria, nell’offerta a titolo provvisorio e in sede di espropriazione definitiva" Aggiornamento 2012

 

Vedi anche:

  • Testo Unico
    Guida operativa con tutte le fasi del procedimento e i modelli necessari, specifici per il nuovo procedimento introdotto! » vai

  • Offerta speciale EsproSit
    Dalla collaborazione con Siteco Informatica nasce Espro-SIT LT, la soluzione chiavi in mano per la procedura espropriativa » vai

  • Software + Consulenza
    Il software di gestione per gli espropri, con una anno di abbonamento gratuito!




Copyright © 2003-2015 ConsulenzaEspropri.it Srl
Realizzazione siti internet Meravigliao.it