cerca: » vai
busta newsletter gratuita

consultazione gratuita di documenti relativi al mondo delle espropriazioni

Anteprima di stampa versione stampabile


Esproprio parziale di un fabbricato: quando si applica la stima a valore differenziale prevista dall’art. 33 del T.U.E.

Ultimo aggiornamento: 17/04/2012

 

La Corte di Cassazione, con la sentenza richiamata, ha chiarito che l’indennità di espropriazione parziale di un’area annessa a un fabbricato di civile abitazione, ma con diversa funzione, non può essere liquidata sulla base della differenza tra il valore dei due beni prima dell’espropriazione e il valore della porzione residua, proprio perché il criterio di stima differenziale, previsto dalla legge per l’espropriazione parziale, è inapplicabile quando non sia possibile considerare le due aree in modo unitario, stante la diversità di funzione economica e di natura dei beni espropriati. Tale criterio comporta che la stima a valore differenziale è applicabile solo quando trattasi dell’espropriazione parziale di aree funzionalmente inseparabili dal fabbricato esistente sul terreno stesso .

 

Vedi anche:

  • Testo Unico
    Guida operativa con tutte le fasi del procedimento e i modelli necessari, specifici per il nuovo procedimento introdotto! » vai

  • Quesiti personalizzati
    I nostri esperti possono rispondere a tutti i vostri dubbi per problematiche specifiche o nei casi di difficile soluzione.

  • Hai subìto un esproprio? Ti serve aiuto?
    L'angolo degli espropriati è il servizio di orientamento ed aiuto per i proprietari di immobili oggetto di espropriazione.




Copyright © 2003-2015 ConsulenzaEspropri.it Srl
Realizzazione siti internet Meravigliao.it