cerca: » vai
busta newsletter gratuita

consultazione gratuita di documenti relativi al mondo delle espropriazioni

Anteprima di stampa versione stampabile


La procedura di espropriazione sanante ex art. 42bis T.U.E.: la competenza all’emissione dell’atto di acquisizione

Ultimo aggiornamento: 25/10/2013

 

In genere la competenza all’emissione dell’atto di acquisizione spetterebbe al soggetto pubblico che ha promosso l’espropriazione, sostenendone gli oneri.  Il principio richiamato può comportare una non coincidenza del soggetto promotore con l’ente che avrebbe dovuto pronunciare il decreto di espropriazione (autorità espropriante).  In tale caso, a nostro parere,  il provvedimento di acquisizione è di competenza dell’autorità espropriante  (sulla questione il Consiglio di Stato, con la recente sentenza della sez.VI, n. 2559 del 13/05/2013, si è espresso negando, per le opere statali realizzate da  concessionari,  la competenza degli enti promotori dell’espropriazione).

Nel caso, pertanto, che l’utilizzatore del bene sia un privato, non potendosi ritenere che la pronuncia dell’atto di acquisizione possa provenire da un soggetto privato, si deve ammettere la competenza dell’ente che avrebbe dovuto pronunciare l’espropriazione, in qualità di autorità espropriante.

La disposizione stessa di cui all’art. 42bis, infatti, ai fini dell’emissione di  provvedimenti di costituzione di servitù in sanatoria, dispone, al comma 6, che “in tale caso, l’autorità espropriante, con oneri a carico dei soggetti beneficiari, può procedere all’eventuale acquisizione del diritto di servitù al patrimonio dei soggetti privati o pubblici, titolari di concessioni, autorizzazioni o licenze o che svolgono servizi di interesse pubblico nei settori dei trasporti, telecomunicazioni, acqua o energia.”

Per approfondimenti sullo svolgimento del procedimento di acquisizione in esame si ricorda che, per gli utenti del sito, è disponibile un’apposita guida operativa (Guida n. 10 - Procedimento per l'acquisizione di beni utilizzati, senza titolo, per scopi di interesse pubblico, di cui all'art 42bis del Testo Unico sulle espropriazioni. Aggiornamento 2013

 

Vedi anche:




Copyright © 2003-2015 ConsulenzaEspropri.it Srl
Realizzazione siti internet Meravigliao.it