cerca: » vai
busta newsletter gratuita

consultazione gratuita di documenti relativi al mondo delle espropriazioni

Anteprima di stampa versione stampabile


Il giudicato che abbia dichiarato l’ acquisizione, per accessione invertita, dell’area in capo alla P.A. per effetto della realizzazione di un ’opera pubblica non può essere disatteso

Ultimo aggiornamento: 19/04/2016

 

Il CONSIGLIO DI STATO, SEZ. IV, con sentenza 13 aprile 2016 n. 1466 pur ribadendo che l’avvenuta esecuzione dell’opera pubblica non può determinare l’acquisizione della proprietà del bene occupato da parte della P.A., afferma che un eventuale giudicato che abbia dichiarato l’avvenuta acquisizione dell’area in capo alla P.A. per effetto dell’opera pubblica non può essere più disatteso. Il particolare il C.d.S. afferma:“…a)per costante giurisprudenza nazionale e comunitaria (Cassazione civile, sez. trib., 29/07/2015, n. 16032) “il diritto comunitario, così come costantemente interpretato anche dalla Corte di Giustizia (sentenze del 3 settembre 2009 in C-2/08 e del 16 marzo 2006 in C-234/04), non impone al giudice nazionale di disapplicare le norme processuali interne da cui deriva l'autorità di cosa giudicata, nemmeno quando ciò permetterebbe di porre rimedio ad una violazione del diritto comunitario, sicché è inammissibile il ricorso per cassazione tardivo nonostante la proposizione di un motivo avente ad oggetto la compatibilità della decisione impugnata con la disciplina comunitaria, salva l'ipotesi assolutamente eccezionale di discriminazione tra situazioni di diritto comunitario e situazioni di diritto interno ovvero di pratica impossibilità o eccessiva difficoltà di esercizio dei diritti conferiti dall'ordinamento comunitario;b)nel caso di specie sulla questione concernente l’avvenuta acquisizione da parte della mano pubblica dell’area di pertinenza dell’appellante si è certamente formato il giudicato, in quanto:I) ciò è stato espressamente dichiarato nella sentenza di primo grado resa dal giudice civile;II)la sentenza della Corte di Appello, non soltanto non ha smentito tale accertamento, ma, semmai, lo confermato, dandolo per presupposto, laddove, nel dichiarare prescritto il petitum risarcitorio per equivalente, ha all’evidenza ritenuto non ipotizzabile l’accoglimento della domanda reipersecutoria volta alla restituzione del fondo, in quanto già trasformato;III) la medesima sentenza della Corte di Appello, anzi, ha addirittura fissato una diversa –ed anteriore- data di verificazione del fenomeno acquisitivo a titolo originario, ovviamente nel presupposto che a quel momento di fosse perfezionato l’acquisto dell’area alla mano pubblica;IV)l’odierna parte appellante non ha mai impugnato la sentenza della Corte di Appello:…”

 

Vedi anche:

  • Testo Unico
    Guida operativa con tutte le fasi del procedimento e i modelli necessari, specifici per il nuovo procedimento introdotto! » vai

  • Monitoraggio dell'attività giurisprudenziale
    La sezione giurisprudenza ti informa sulla giurisprudenza in materia, orientata secondo le singole fasi procedimentali.

  • Quesiti personalizzati
    I nostri esperti possono rispondere a tutti i vostri dubbi per problematiche specifiche o nei casi di difficile soluzione.




Copyright © 2003-2015 ConsulenzaEspropri.it Srl
Realizzazione siti internet Meravigliao.it