cerca: » vai
busta newsletter gratuita

consultazione gratuita di documenti relativi al mondo delle espropriazioni

Anteprima di stampa versione stampabile


Dichiarazione della pubblica utilità: motivazione della proroga per cause di forza maggiore

Ultimo aggiornamento: 19/09/2019

 

Il Consiglio di Stato, sez. IV , con sentenza n. 4990 del 06/10/2014 ha specificato che nelle motivazioni di forza maggiore, che ai sensi dell’art. 13 comma 5, del T.U.E. consentono all’Autorità che ha dichiarato la pubblica utilità dell’opera di prorogare i termini massimi di efficacia della stessa, non rientra il ritardo con il quale è stato attivato e concluso il procedimento di stima degli immobili, trattandosi proprio di una di quelle evenienze patologiche per la cui prevenzione il legislatore ha disposto la perentorietà dei termini massimi.La proroga dei termini finali della procedura di esproprio per pubblica utilità, pertanto, deve sempre trovare giustificazione in ragioni oggettive che evidenzino cause di forza maggiore o altri fatti non dipendenti dalla volontà dell’espropriante, che sono poste a base del provvedimento di proroga.

 

Vedi anche:

  • Quesiti personalizzati
    I nostri esperti possono rispondere a tutti i vostri dubbi per problematiche specifiche o nei casi di difficile soluzione.

  • Offerta speciale EsproSit
    Dalla collaborazione con Siteco Informatica nasce Espro-SIT LT, la soluzione chiavi in mano per la procedura espropriativa » vai

  • Testo Unico
    Guida operativa con tutte le fasi del procedimento e i modelli necessari, specifici per il nuovo procedimento introdotto! » vai




Copyright © 2003-2019 ConsulenzaEspropri.it Srl
Realizzazione siti internet Meravigliao.it